Chi siamo

L’idea

Crediamo che letteratura, scrittura e lettura siano le possibilità migliori che abbiamo per conoscere, raccontare, dare vita a persone e cose che senza di esse non esisterebbero.
Che la parola scritta dia vita a piacere, intelligenza, messa a fuoco delle emozioni, relazione con gli altri e con il tempo, libertà da ignoranza e dogmatismi. Conoscere altre storie e altre visioni della vita ci permette di essere più umani, capire la complessità di dove viviamo, non ridurre tutto a stato d’animo o a tre ideozze in croce.

Siamo altresì convinti che leggere libri non sia solo il vezzo di persone introverse o di un’altra epoca, o una cosa cui si accenna con desolata nostalgia dicendo che una volta – che bello… – si leggeva di più.
Leggere è fondamentale per l’economia, la politica, la cultura, il benessere collettivo, il futuro perché rafforza la familiarità con le parole, la comunicazione ben riuscita, la dinamicità progettuale della mente, la connessione viva tra quelle parole, le idee, le cose da fare.
Tutte le nazioni più civili e floride di noi leggono più di noi.
Altro che balle.

Per tutto ciò siamo qui a fare libri.


L’équipe

Laura Barbalini
Immagine e Comunicazione editoriale.
È nata nel 1987 nella periferia di Milano, città che non ha ancora abbandonato. Laureata in Biotecnologie Mediche, con un Dottorato in Medicina Molecolare e una specializzazione in Comunicazione della Scienza. Nella vita è stata una ricercatrice, una grafica, una comunicatrice, un’insegnante, una scrittrice. Ama i libri, la scienza e le innovazioni, ma anche i temporali, le tazze di tè e i viaggi. Non ha ancora deciso cosa vorrebbe fare da grande, ogni giorno cerca semplicemente una forma narrativa per descrivere il mondo.

Paola Becchetti

Concorsi ed Eventi.
Nasce a Brescia il 3 agosto 1991 e vive sul lago di Garda. È laureata in Lettere e in Filosofia.
Dell’esperienza universitaria, una tappa significativa è il semestre trascorso a Monaco di Baviera, dove ha la possibilità di assaporare la lingua e la cultura tedesche, interesse che da quel momento diventa una passione e che spera di portare avanti anche in ambito lavorativo. Le piace scrivere, ma ancora di più leggere. Ama viaggiare e riempirsi l’anima delle emozioni che i viaggi regalano.
Lo sport è una parte importante della sua vita: si diletta nello sci freeride, nella bici da enduro e aspira a migliorarsi nel windsurf.

Monica Frigerio

Socia fondatrice e Consigliera del Direttivo
Marketing editoriale.
Nata in campagna nel 1989, vicino a Milano, dove si trasferisce nel 2009. Ama viaggiare e cambiare punti di vista. Ha una laurea magistrale in Lingue e Letterature e ha seguito corsi di editing presso l’agenzia Herzog. Ancora non sa bene che sarà della sua vita e ogni volta che legge il curriculum di Jakob von Gunten (Robert Walser) ci si immedesima; ma la sua passione verso i libri resterà immutabile. Possiede un amore incontrollato per la letteratura russa: per primi ci sono stati “I Demoni” di Dostoëvskij, e poi niente è stato più lo stesso.

Isabella Gavazzi

Libraia on line; agente commerciale.
Nata nel 1994 e cresciuta nella verde Valtellina, si trasferisce a Milano per studiare Scienze dei Beni culturali e vedere da vicino come si vive in una città con più di mille abitanti.
Appassionata di arte, musica e teatro, spende i suoi risparmi in abbonamenti e corsi tematici. Ama cucinare, bere tisane rilassanti, scrivere e sorridere, il tutto accompagnato da un cd jazz.
Andrea Lionetti

Socio fondatore e Consigliere del Direttivo
Eventi e selezione testi.
Nasce a Milano, dove vive e ha sempre vissuto (e forse vivrà). Dal 2013 è iscritto all’Università Statale, al corso di Studi umanistici, indirizzo storico. Fin dall’adolescenza si è appassionato alla lettura dei grandi classici greci e otto-novecenteschi, mentre negli ultimi anni ha sviluppato uno spiccato interesse nei confronti della letteratura russa e americana. Inoltre, per due anni di fila, ha frequentato due diversi corsi di Scrittura creativa, pubblicando racconti principalmente sul blog “Letture da metropolitana”.

Silvia Maria Sardi

Comunicazione editoriale.
Nata nel 1988 a Milano ma cresciuta tra le colline verdi della Brianza, a quattro anni ha iniziato a leggere e deciso che da grande avrebbe fatto la scrittrice.
Laureata in Linguaggi dei Media e con un diploma di Master in Scrittura per la Fiction e il Cinema, sbarca il lunario in un’agenzia di web marketing ma senza dimenticare il suo sogno.
Dopo aver collezionato un paio di premi in Scrittura creativa e Sceneggiatura, nel 2016 pubblica il suo primo racconto, in questa raccolta delle Edizioni del Gattaccio.

Luciano Sartirana

Socio fondatore e Presidente; Direttore editoriale.
Nato a Milano il 6 novembre 1957. Liceo classico. Filosofia. Nel tempo ha collaborato con Feltrinelli, Demetra, RadioRai, Radio Popolare, OfficinaFilm. Dal 1994 progetta e conduce corsi di Scrittura creativa e Sceneggiatura. Stravede per Murakami, Nothomb, Giménez-Bartlett, Simenon, Ernaux, Calvino, Saramago, Lispector, Enzensberger, Paasilinna. Ha visto in diretta tv cose pazzesche: l’assassinio di John Kennedy, il primo sbarco sulla Luna, Italia-Germania 4-3 di Messico ’70.
E i raggi B balenare alle porte di Tannhäuser.

Federica Tosadori

Relazioni esterne e Strategie editoriali.
Tornasse indietro lo rifarebbe ancora, ogni volta possibile, di federica-tosadoriiscriversi a Lettere all’Università degli Studi di Milano. Ha una laurea in Lettere Moderne e frequenta il corso magistrale di Editoria. Di lei vuole che la gente sappia soprattutto questo: ha trovato nelle parole il suo posto – nei libri tutto quello che gli esseri umani non hanno il coraggio di dirsi; e ora non può più fare finta di niente: la letteratura riempie i vuoti. Milano e i suoi silenzi la ospitano da quando è nata – era il 1991 – ma forse anche da prima. Non c’è molto altro da dire su di lei, se non che è pronta a raccontare l’essenziale.

Il Gattaccio

Il Gattaccio (1987-2006) è stato il gatto principe del Direttore editoriale, e l’essere vivente che gli è vissuto accanto più a lungo. Era un soriano molto grosso e decisamente intelligente. Più di una volta ha vomitato all’apparire del capo del centro-destra in televisione.
Il nome gli viene dalla fidanzata (del Direttore editoriale) dell’epoca, che aveva in questo modo sanzionato tutti i guai che il gattone combinava in casa ogni volta che la coppia usciva… tornavano a domicilio e trovavano sempre gioiellini rotti, piantine sradicate, mobili unghiati… e lei urlava: “Gattaccio! Figlio di troia!”. Ma al felino è rimasto solo il primo appellativo.
Pochi anni dopo la coppia si è mollata e il Gattaccio non ha fatto più disastri.
Forse era solo gelosia.

Lascia un tuo commento, grazie!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...