Un libro – “A testa in giù”, di Elena Mearini

Gioele è un ragazzo fra adolescenza e giovinezza; vive in un ospedale psichiatrico.
L’equilibrio ufficiale della sua mente si basa sulle pastiglie, sui colloqui con gli psicologi, sulle sue giornate delimitate dalle mura e dalle ore. Il suo vero equilibrio è dato dal silenzio che lui stesso vi frappone, dalla lettura attenta – talvolta divertita, spesso guardinga – delle sensazioni che vive nello spazio di pochi istanti, dagli oggetti contenuti nelle mura e dalle ore, dal cibo, dalla doccia, dalla testa che anche oggi non gli è caduta, da tante altre emozioni rattrappite e da percezioni che diventano colori. Il suo linguaggio interiore: sapori, suoni, odori, corridoi e cunicoli ignoti, persone della televisione. Tutto in ordine finché lui li traduce in un colore.
Il più bello è quello del tuorlo d’uovo, parente stretto del sole, ciò che è più importante.

Maria è anziana – parecchio – e vive sola.
È arrivata alla sua età attraversando i decenni, la povertà, la guerra e il fucile, il quotidiano di una famiglia contadina all’antica, logora di fango e di lavoro umido, di lavoro duro dal momento in cui la bimba si regge in piedi; la cena in pietroso silenzio sotto la luce fioca della cascina d’inverno; il silenzio dell’affetto privo di carezze, di abbracci, di progetti per il futuro; il silenzio ansimante dell’abbraccio violento dello zio Cesco.
Il suo linguaggio interiore è la storia, la sua, che si è fatta strada con fatica nel tempo.

Un giorno Gioele si scoccia delle ore e delle mura, trova un’auto in cortile con le chiavi inserite, mette in moto e se ne va. Una macchina gialla, che viaggio, che colore!
Nello stesso giorno, Maria gira piano la sua pianura, in bicicletta.
A momenti, a un incrocio, il giallo di Gioele la stira.

Restano vivi entrambi, e non solo perché a quell’incrocio nessuno di loro due si è fatto male, ma perché il silenzio dentro di loro finisce. Restano vivi e diventano vivi.
Ogni sguardo, ogni suono esterno, ogni forchetta, ogni marcia cambiata, ogni tuorlo spentosi dietro le nuvole diventa occasione per costruire un ponte e un’intesa. Un affetto che si basa sulle sensazioni più che sui discorsi; ci sono via via più parole orfane, che colorano il passato. La possibilità stessa di essere ascoltati, senza perdere nulla del mondo stralunato che Gioele e Maria si portano dentro.
Solo loro?
Elena Mearini ha scritto un bellissimo libro di possibilità, di affetto per le sensazioni primigenie e scrostate dal vivere medio, di lotta curiosa e tenace della parola sul silenzio.
Con uno stile poetico, unico, inedito, originale.
Guardiamo il nostro tuorlo.
Rubiamo la nostra macchina gialla.
Leggiamo questo libro.

Annunci

Lascia un tuo commento, grazie!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...